Ti trovi qui: Blog > Come risparmiare sulla bolletta elettrica? 4 consigli degli esperti
Feed Rss

Come risparmiare sulla bolletta elettrica? 4 consigli degli esperti

March 13, 2018

/ Categoria: Fotovoltaico

Esistono molti modi per consumare meno energia in casa. Se ti stai chiedendo come risparmiare sulla bolletta elettrica, e avere anche un occhio di riguardo per l’ambiente, in questo articolo ti mostriamo 4 metodi complementari per raggiungere più facilmente l’obbiettivo risparmio.

Scegliere elettrodomestici in classe energetica alta è solo uno dei modi per ridurre le spese della corrente, che può, anzi deve, accompagnarsi ad altre pratiche quotidiane come l’utilizzo corretto degli apparecchi elettrici e l’installazione di un impianto fotovoltaico. Vediamole insieme.

 

Classe energetica A, A+ e A++: caratteristiche e vantaggi

Le classi di consumo energetico indicano i valori di efficienza dell’apparecchio a cui si riferiscono, espressi in kWh/anno. Le classi vanno dalla A+++, massima efficienza, alla G, minima efficienza. Anche se una classe energetica alta, presa isolatamente, non è di per sé sinonimo di risparmio, scegliere attentamente ogni elettrodomestico può fare la differenza sulla tua bolletta.

Le fasce di consumo variano per ogni elettrodomestico: ad esempio, un frigorifero in classe A++ consuma meno di 188 kWh all’anno, mentre uno in classe A consuma tra 263 e 344 kWh all’anno. Si vede allora come, scegliendo un frigorifero in classe A++, si possa risparmiare fino al 50% in più rispetto a uno di classe A.

 Scarica l'ebook gratuito di T-Green

 

Come risparmiare sulla bolletta elettrica grazie al fotovoltaico

Uno dei metodi definitivi per alleggerire la bolletta è sicuramente convertirsi al fotovoltaico. Installando sul tetto di casa alcuni pannelli fotovoltaici, puoi sfruttare l’energia del sole, trasformarla in energia pulita e accumularla nelle batterie al litio, risparmiando nettamente sui consumi.

I tipi di impianti fotovoltaici più efficienti sono 2, quelli tradizionali e gli impianti On grid. Entrambi sono collegati alla rete elettrica nazionale e ti permettono di effettuare il cosiddetto “scambio sul posto”, ossia di rivendere al distributore ufficiale l’energia pulita che tu non utilizzi. In questo modo puoi sfruttare al 100% l’energia in più prodotta dal tuo impianto, senza sprechi.

La differenza tra i due tipi di impianto consiste nella presenza o meno di batterie:

  • In un impianto tradizionale l’energia prodotta va consumata all’istante oppure rivenduta tramite scambio sul posto, ma non può essere accumulata.
  • Un impianto On grid, invece, consente anche di accumulare l’energia pulita nelle apposite batterie agli ioni di litio, per utilizzarla nelle ore di buio. E senza dover aspettare la carica completa.

 

2- ottimizzata - Come risparmiare sulla bolletta elettrica 4 consigli degli esperti.jpg

 

Ottimizza l’utilizzo degli elettrodomestici che divorano energia

Alcuni elettrodomestici, come frigoriferi, lavatrici e lavastoviglie, sono dei veri “vampiri” succhia-energia. Come risparmiare sulla bolletta elettrica, utilizzandoli in modo intelligente?

  • Frigorifero: innanzitutto, scegli la dimensione giusta (per 3-4 persone, va bene un frigor da 200-250 litri). Secondo, non mettere in frigor pietanze calde, ed evita di aprire l’anta troppe volte. Terzo, posizionalo lontano da fornelli, finestre o termosifoni. Quarto, evita sia il sovraccarico che il vuoto completo. Quinto, mantieni la temperatura tra i 5° e i 7°, e verifica periodicamente lo stato delle guarnizioni.
  • Freezer: imposta sempre la temperatura con valori compresi tra -18° e -15°, perché a temperature diverse i consumi decollano, ma non migliora la conservazione degli alimenti. Pulisci regolarmente il pannello posteriore e la serpentina: se queste parti sono coperte di polvere, il freezer consuma di più.
  • Lavatrice: utilizza solo il pieno carico, o al massimo il mezzo carico, evitando i pre-lavaggi e i lavaggi ad alte temperature. Un ciclo a 90° è indispensabile solo se gli abiti sono irrimediabilmente macchiati, altrimenti 40°-60° sono più che sufficienti.
  • Lavastoviglie: avvia un ciclo solo se è piena o mezza piena. Evita l’asciugatura, non è necessaria, basta aprire lo sportello una volta finito il ciclo. Per sfruttare il lavaggio a freddo, e prolungare la durata di vita dell’apparecchio, sciacqua piatti, bicchieri e posate nel lavello prima di metterli in lavastoviglie.

 

Riduci i consumi dello scaldabagno

Per ridurre le tue spese annue, sono preziosi anche alcuni accorgimenti sull’utilizzo dello scaldabagno. Innanzitutto, preferisci sempre uno scaldabagno a gas rispetto a quello elettrico. Installa il boiler vicino a lavandino, vasca o doccia, per evitare dispersioni di calore lungo i tubi, ma anche lontano da finestre o pareti troppo umide. Accendilo preferibilmente di notte e imposta la temperatura sui 40° in estate e 60° in inverno. Infine, preferisci sempre la doccia al bagno: per riempire una vasca servono 80 litri di acqua, per fare una doccia completa ne bastano 25!

Ricevi il nostro ebook gratuito e…

Scopri come ridurre le tue bollette dell'80% grazie al fotovoltaico. Scaricalo subito!

Fotovoltaico

Inserisci un commento